B-Movies e Cinema Trash


Club fiorentino per la visione e l'apprezzamento di B-movies e cinema Trash! Clicca qui per maggiori informazioni. Nuove recensioni ogni due settimane circa.

Santa's Slay

Regia: David Steiman

Genere: Horror/Commedia

Produzione: USA/Canada 2005

Durata: 78'

Cast: Emilie De Ravin, James Caan, Bill Goldberg, Douglas Smith, Robert Culp, Chris Kattan, Dave Thomas, Saul Rubinek, Rebecca Gayheart, Fran Drescher, Alicia Lorén, Kevin Gillese, Tommy 'Tiny' Lister

Trama: Babbo Natale non è il gentile e simpatico nonnino che tutti conosciamo, in realtà è un demone costretto da mille anni a consegnare a notte fonda i regali di Natale ai bambini buoni come penitenza per una scommessa persa. Ora mille anni sono passati e la pena è stata espiata: sta per arrivare un Natale di violenza e sangue. Un ragazzo, la sua fidanzata e il nonno un po' pazzo sono gli unici a conoscere l'inquietante verità. Solo loro possono salvare la loro città e il mondo intero...

Opinione del Club: Cosa c'è di meglio come idea per un film sul Natale di prendere il simbolo stesso della festività (Cristo? Ma proprio no! Mi riferisco a Babbo Natale!) e di ribaltarlo rendendolo l'anticristo? Infatti il prode Babbo Natale in questo film è il parto di una vergine messa incinta dal diavolo in persona. Ed egli da bravo demone vichingo, viaggiando sulla sua slitta trainata da un bufalo incazzoso, si divertiva ogni Natale a massacrare la gente piuttosto che a portargli doni. Tutto va avanti per secoli fino a quando un angelo non lo sfida allo sport dei vichinghi... No, non il lancio dei tronchi, ma il curling! E' per questo che ogni anno i banbini ricevono i regali sotto l'albero invece di essere massacrati, perché un angelo ha costretto Babbo Natale a comportarsi bene per mille anni tramite una scommessa di curling... Come non lo sapevate? Eppure ce lo racconta proprio Santa's Slay!
Ok, l'idea alla base del film è geniale e ribalta totalmente il significato del Natale creandone una parodia per niente politically correct e questo al Club del Marcio piace.
Di per se infatti questo film ha varie freccie nel proprio arco: la trama di cui vi ho parlato, attori tutto sommato decenti, alcune trovate spassose e una certa dose di scorrettezza e cattiveria.
All'inizio si viene subito calati in questa atmosfera “natalizia” con una scena della tipica famiglia america benestante (in cui fa un cameo l'attrice Fran Descher, protagonista della serie La Tata) dove però tutti si tradiscono, si odiano e ostentano la loro ricchezza. Arriva così Babbo Natale a sistemare le cose sterminando l'interera famigliola nel modo più spassoso!
Le uccisioni creative sono un altro punto di forza del film e si raggiunge il culmine quando viene preso di mira un povero macellaio ebreo, che ironicamente viene trafitto con una menorah (un candelabro a sette braccia simbolo della religione ebraica).
A quanto pare fino ad ora ho solo espresso pareri positivi su questo film, si tratta quindi di un capolavoro? Purtroppo  non tutte le frecce nell'arco sono andate a segno.
Infatti la vicenda scorre via volecemente... troppo velocemente! In poco più di un'ora siamo già ai titoli di coda e si ha come l'impressione che manchi qualcosa e che ad un certo punto la regia abbia un po' tirato via.
Il film si avvia bene però quando Babbo Natale invade la classica cittadina americana sperduta l'intreccio diventa troppo lineare e in poche sequenze di scene si arriva alla resa dei conti finale, lasciando un po' l'amaro in bocca. Cioè manca una parte centrale in cui Babbo Natale poteva fare più massacri e in cui i protagonisti potevano combatterlo più a lungo, magari con un coinvolgimento maggiore di alcuni abitanti della cittadina.
Altro punto debole sono i personaggi. Gli attori sono decenti, però i personaggi, a parte Babbo Natale, non sono per nulla caratterizzati. Il protagonista è un ragazzino pissero che ha una ragazza figa che gli viene dietro ma con la quale non riesce a compicciare nulla perché è troppo rincretinito dalle chiacchere del nonno rimbambito. Di lui ci si dimentica subito, infatti a malapena mi ricordo il volto ora. Il nonno del protagonista potrebbe essere un personaggio interessante, anche se è un vecchio rimbambito che colleziona strane storie sul Natale e che tutti prendono per matto, però anche su di lui la regia non si sofferma a sufficenza.
I personaggi sembrano così delle macchiette e le relazioni fra di loro, cioè i problemi fra il protagonista e la sua ragazza, il rapporto fra il protagonista e il nonno, vengono quasi dimenticati e si risolvono senza che lo spettatore capisca bene come.
Tutto sommato comunque Santa's Slay è un film divertente con un sufficente livello di marciume, ci sono buone idee di base e alcune scene sono notevoli. Peccato solo che dalla metà del film in poi si ha una sensazione d'imcompiutezza, quasi come se gli sceneggiatori e la regia siano rimasti a corto di idee o soldi e per questo abbiano concluso frettolsamente.
Concludendo direi che il voto finale è positivo, però ci troviamo davanti ad un'occasione mancata.
<Il Drugo>


Voto del Club:


Qualità Cinematografica:


Livello di Marciume:





Hanno Detto:
"Babbo Natale cattivo e incazzoso con la slitta trainata dal bufalo era figo e faceva diversi massacri divertitenti. Fine. Per il resto il film era pessimo."
Lord Magneto

"A me è piaciuto assai, durava poco ed in quel poco, senza un motivo ben preciso c'è Goldberg che ammazza un monte di gente tra cui un ebreo trafiggendolo con il suo fottuto candelabro di merda. L'ho apprezzato anche per la concezione di Babbo Natale come anticristo, e che è stato privato dei suoi diritti di uccidere la gente per colpa di una partita di Curling.
Chi ha bisogno della trama quando ci sono questi elementi?"
Capitan Ano

"E' vero che il film è troppo corto e gli manca qualcosa (secondo me avevano finito i soldi) ma ci sono diversi elementi, come quelli che ha citato Il Drugo, oltre ai quali ricorderei il rosticciere ebreo impalato con una menorah e un nano, che gonfiano adeguatamente il livello di marciume. Punti bonus per i canti di natale heavy metal."
The RedMage

"Punti deboli ne ha [...] e se anche non ne ha si merita la sufficienza per quella manciata di scene epiche tra cui -impossibile non menzionarla- il bue/renna abbattuto dal bazooka del padre della protagonista.
Felio 

2 commenti:

MarcioZombie ha detto...

Lo devo vedere assolutamente!

The RedMage ha detto...

Era un film abbastanza discreto, a me perlomeno è piaciuto molto (non stare a sentire Magneto, tanto ha dormito per tutto il film, non ha titolo di giudicare XD), aveva una colonna sonora assurda, alcuni personaggi assurdi (non tutti, i protagonisti erano piuttosto scialbi) e una trama assurda, peccato durasse così poco.

La mia impressione è che alla fine abbiano tirato via per carenza di fondi.