B-Movies e Cinema Trash


Club fiorentino per la visione e l'apprezzamento di B-movies e cinema Trash! Clicca qui per maggiori informazioni. Nuove recensioni ogni due settimane circa.

Curse of the Maya

Titoli Alternativi: Evil Grave, Dawn of the Living Dead

Regia: David Heavener

Genere: Horror

Produzione: USA 2004

Durata: 90'

Cast: David Heavener, Amanda Baumann, Joe Estevez, Todd Bridges, Steven Bracy, Carrie Gonzalez, Robert Bustamante, Alfredo Hernandez

Trama: Renee, una giovane donna appena reduce da un forte esaurimento nervoso, si trasferisce con il compagno (e psichiatra curante) Jeffrey in una casa nel deserto, vicino al confine con il Messico. Quello che non sanno, è che il luogo è maledetto e che un'intera famiglia di Maya, massacrata anni prima, ora cerca vendetta...

Opinione del Club: Un film assolutamente indegno, con pochissime idee sviulppate male e poste in opera anche peggio. Durante il film abbia stilato una lista di persone che qualcuno dovrebbe prendersi la briga di andare a cercare con un fucile e uccidere, tanti erano gli aspetti tecnici del film completamente sballati.

Il primo della lista è il tecnico dell'Illuminazione, una figura che tutto sommato non è tra quelle tradizionalmente più importanti per un film, ma l'evidente criminalità con cui il ruolo è stato svolto ci ha portato immediatemente a includere il simpatico tecnico in cima alla nostra lista nera. A parte alcuni filtri applicati in modo abbastanza discutibile, e senza neanche entrare nel dettaglio dei soli rosa, a volte le tonalità di un paesaggio cambiano completamente quando questo viene incquadrato da due punti diversi, per esempio quando la visuale oscilla tra i punti di vista di due persone diverse durante una conversazione.

Il secondo individuo ad attrarre le nostre ire è stato il cameraman (o presumibilmente, i cameramen), responsabile di una serie di inquadrature a dir poco oscene che includevano una serie di primi piani in cui veniva tagliata la prte superiore della testa degli attori.
Vorremmo esprimere il nostro disappunto anche verso il tecnico del montaggio (dove per "esprimere" intendiamo "scagliare" e per "disappunto" intendiamo "missile termonucleare"). Sequenze di immagini successive (come le conversazioni di cui sopra) hanno talvolta sfondi completamente diversi, per esempio a un certo punto dietro i due interlocutori si vede un folto verde, poi i due si incamminano via e ai loro piedi c'è solo una brulla pietraia.

Andando avanti, si cominciano a toccare alcuni elementi più in vista. La recitazione delle maggior parte degli attori era da film porno. Erano anche doppiati veramente male, anche se questo non è colpa della produzione. Da notare che il doppiatore del fidanzato della protagonista era riconoscibile come lo stesso del professor Denzel Crocker di "Due Fantagenitori", un fatto che ha provocato non poca ilarità tra i presenti. Va detto che il casting è stato fatto un po' così, come capitava, per cui il suddetto personaggio ha una buona ventina di anni più della sua fidanzata e paziente. E potremmo continuare.

Andando avanti, il prossimo nome sulla lista nera è quello dello sceneggiatore. Si parte da alcuni dettagli che sono completamente privi di senso (come l'apparizione, completamente insensata, di un piccolo campo di mais) o mal spiegati (nel cielo compaiono progressivamente sempre più soli di colore rosa, ma il motivo non ci viene mai comunicato) alla presenza di alcuni filoni di trama del tutto inutili (come la saga degli immigrati clandestini). La trama era in generale terribilmente già vista e poco originale.

Last but not least, vorremmo fare una menzione speciale per chiunque abbia scelto le locazioni. Probabilmente non ci saremmo trovati a infamarlo se il tecnico del montaggio fosse stato una persona onesta, ma per scegliere una casa tanto brutta, costruita in un posto tanto brutto. per girare un film merita anche lui il plotone d'esecuzione.

Il film ha alcuni spunti marci, intendiamoci, in parte nati dal nonsense della trama, in parte dal fatto che è pur sempre un film di zombie (e gli zombie sono realizzati ragionevolmente bene tutto sommato, come si può notare dal fatto che il truccatore non è nella nostra lista nera) e in parte dal supporto comico di bassa lega che si è scelto di mettere (uno dei personaggi è un nero deforme). Presente verso la fine anche un pregevole neonato zombie. Da segnalare poi il finale a cazzo, che non vi sveliamo nel caso vogliate vedere questo film, ma vi basti sapere che alla luce della trama precedente non ha alcun senso.

In definitiva un film da evitare. Se vi interessa il genere sicuramente nella marcia videoteca potrete trovare altri titoli più degni di essere visti.

<The RedMage>


Voto del Club:


Qualità Cinematografica:

Livello di Marciume:


Hanno Detto:
"Faceva schifo. Dovremmo guardarne più spesso di titoli così."
Capitan Ano

"Era stata avanzata l'ipotesi di fucilare pubblicamente i doppiatori per il pessimo lavoro svolto ma l'idea di privare il professor Crocker della sua voce italiana mi rattristerebbe assai."
Felio

"Da fucilare non sarebbero solo i doppiatori, ma anche gli sceneggiatori, il regista, il tecnico delle luci, gli attori (inespressivi), il/i cameraman, chiunque abbia fatto il montaggio... I soli rosa che si moltiplicano come funghi e poi si avvicinano diventando per un breve momento l'ombra di Topolino erano una cosa spettacolare!!"
PiumaLibera

2 commenti:

MarcioZombie ha detto...

wow sembra veramente pessimo!
lo volgio assolutamente vedere ! :)

The RedMage ha detto...

Guarda, non cercherò neanche di far sembrare la mia risposta erudita o intelligente.

Faceva cacare.

E non cacare in senso buono, era proprio noioso, l'unica cosa che ha catturato la nostra attenzone era quanto il film facesse cacare.